Category Moto Viaggio

NORD EUROPA 10 ANNI DOPO: RITORNARE SUI MIEI PASSI

SCOPRIRE LA SCANDINAVIA IN MOTO PER VEDERE COS’È

CAMBIATO IN QUESTI 10 IN QUESTE TERRA E IN ME!

Il grande nord una sfida con se stessi, ma soprattutto con il clima e il costo della vita.
Un viaggio che mi ha messo a dura prova e che mi ha dato tanto sia a livello umano che esperienziale.

1 – PARLACI DEL TUO ITINERARIO?

L’idea era quella di andare a Nord, quando guardai la mappa c’erano davvero tantissime possibilità. Così dovetti scegliere! Non volendo rifare lo stesso itinerario che avevo già fatto tanti anni prima, decisi di passare attraversa le Repubbliche Baltiche, traghettare in Finlandia e poi su fino all’estremo nord. In questo modo avrei avuto una vista senza intralci mentre guidavo lungo la costa della Norvegia.
Avendo già visitato Capo Nord, decisi di and...

Continua a leggere

MOTO VIAGGIO BALCANI OCCIDENTALI – 2015

UN LUOGO PERFETTO PER FARE UN’AVVENTURA IN MOTO,

QUESTI SONO I BALCANI E IO LI VOGLIO ATTRAVERSARE TUTTI.

Mi trovo lì, dopo un anno e questa volta voglio scoprirli davvero i Balcani, vivere le emozioni che questi luoghi sanno offrire. Così parte la mia avventura lunga 27 giorni attraverso i Balcani occidentali.

1 – PARLACI DEL TUO ITINERARIO?

Praticamente l’idea era partire da Dubrovnik e scendere tutta la costa del Montenegro dell’Albania per poi entrare in Grecia, visitare le Meteore e tornare a nord visitando tutto l’entroterra dell’Albania passando per la Macedonia, visitando le montagne del Montenegro e la piccola ma incantevole Mostar, per poi tornare a casa. Per un certo verso era la continuazione del viaggio precedente (link)

2 – DA DOVE NASCE...

Continua a leggere

MOTO VIAGGIO SLOVENIA – CROAZIA 2014

TANTA ATTESA MA ECCO IL MIO SECONDO VIAGGIO.

UN ALTRO PASSO VERSO I MIEI SOGNI!

Dopo un anno di stop dovuto a vari problemi rieccomi in sella alla scoperta della Slovenia e della Croazia che ormai era da 4 anni che mi sfuggivano . Anche qui partii da solo con un altro guizzo di coraggio. Viaggio precedente Svizzera Alpina.

1 – PARLACI DEL TUO ITINERARIO?

L’itinerario prevedeva la visita dello spettacolare lago di Bled con tutte le cose che vi gravitano intorno, le grotte di Postumia e il castello di Predjama. Da qui sarei entrato in Croazia e avrei percorso la spettacolare strada n°8 fino ad arrivare a Dubrovnik, con qualche piccola deviazione; la prima verso le Cascate di Krka che avevo visitato molte volte da bambino per poi visitare la penisola di Pelješac e la picco...

Continua a leggere

MOTO VIAGGIO SVIZZERA 2012

COME UN VIAGGIO DI 4 GIORNI HA CAMBIATO TUTTO!

Con queste poche righe voglio raccontare come è iniziato tutto, ripensandoci mi sembra che sia passato solo un giorno da questa “grande” avventura che mi ha fatto capire che mi piaceva viaggiare e che mi piaceva farlo in moto. Perché nella vita, per me, le cose si fanno per gradi!

1 – PARLACI DEL TUO ITINERARIO?

L’itinerario era semplice, volevo toccare gran parte dei passi di montagna più belli e significativi della Svizzera che avevo trovato su libri e in internet. Questo significava andare a visitare di nuovo il passo dello Stelvio, il passo dell’Umbrail che all’epoca era ancora sterrato, continuare sul passo del Foum e quello del Fluela, per poi visitare la magica Davos...

Continua a leggere

Albania: dove la strada ti sfida e ti ricompensa

Chiudo i bauletti del Transalp nervosamente, sollevato solo dal pensiero che tra pochi minuti lascerò questo infernale campeggio macedone.Viaggiare con un budget limitato è come caricarsi sulla moto la dea bendata, non sai mai dove ti farà capitare. Questa volta, mi è andata male.
Guido fino a Struga, costeggiando il lago Orid. Le sue acque sembrano un foglio azzurro, liscio, perfetto, senza increspature. Il contrario del mio umore.
Mi sto dirigendo verso Debar e quando vedo sulla strada un cartello che indica il divieto di fotografare, sono preso dall’irrefrenabile desiderio di capire la ragione del divieto, e, naturalmente, di fare la più bella foto del mio viaggio.
Proseguo per un paio di chilometri, incuriosito, fino a quando raggiungo la zona proibita.Su un lato sorge una costruzione grigia, imponente, in stile URSS, la cui lunga vetrata riflette la luce del mattino. Sul lato opposto, la strada corre sopra una massiccia e alta diga, mentre poco lontano spuntano edifici non meglio identificati e, chissà, magari anche qualche bunker segreto.
Voglio assolutamente fotografare questo spettacolo decadente, lo strascico di un passato dittatoriale che ancora getta la sua ombra sulle spalle del paese, popolando di fantasmi posti come quello dove mi trovo ora.

Continua a leggere

MotoGiro : Svizzera Alpina Tappa 3

Dopo un notte di temporale e fulmini, mi sveglio esco dalla tenda e un sole timido sta cominciando a uscire dalle nuvole, smonto la tenda e carico la moto .
Uscito dal campeggio percorro poche centinaia di metri e comincio a salire verso il passo dell’Oberalp la strada è tortuosa, ma molto bella, in molti punti si può ammirare lo splendido trenino a cremagliera che sale faticosamente sulla montagna.Arrivo  al passo che è ancora presto, è quasi completamente deserto , oltre al laghetto e a due rifugi c’è anche un faro di quelli che si vedono al  mare per segnalare la costa, la cosa è molto particolare, ma molto interessante.
Rimango un po’ al passo a fare qualche fotografia e a passeggiare, ma purtroppo i nuvoloni neri sono in agguato e coprono tutto il  cielo. Risalgo sulla moto e mi dirigo verso Disentis/Muster,  dopo poche curve inizia a piovigginare senza scoraggiarmi continuo la mia marcia con più attenzione, i paesaggi sono comunque belli anche se le condizioni metereologiche fanno sembrare  tutto più grigio e triste.A Disentis/Muster giro a sinistra e mi dirigo verso il Lukmanier Pass la strada per salire è davvero particolare e bella con tante curve che mettono in evidenza paesaggi uno diverso dall’altro.
 
Continua a leggere

MotoGiro : Svizzera Alpina Tappa 2

Dopo una nottata ventosa mi sveglio e mi preparo per affrontare il secondo giorno del mio itinerario. Smonto la tenda carico la moto e parto. Purtroppo il tempo non è dei migliori ma non mi scoraggio.
Mi dirigo verso  nord in direzione Walenstadt,  la strada è poco trafficata  e corre sul fondo valle,  mi fanno compagnia campi coltivati  e campi da pascolo. Attraverso Bad Ragaz rimanendo colpito dalla sua bellezza sia perché al strada corre in mezzo a un campo da golf sia perché tutto il paese è pieno di statue e di opere d’arte che lo fanno sembrare un posto magico.
Arrivati a Walenstadt la prima cosa che vedo è lo stupefacente lago il Walensee, scatto alcune  fotografie e comincio a percorrere la strada  che costeggia il lago.
Dopo pochi chilometri prendo la deviazione per Glarus e per il Klausenpass.  La strada lascia le sponde del lago  e comincia a salire permettendo di vedere dall’alto i paesini particolarmente caratteristici e lo specchio d’acqua.
Continua a leggere