Category Moto Viaggio

Albania: dove la strada ti sfida e ti ricompensa

Chiudo i bauletti del Transalp nervosamente, sollevato solo dal pensiero che tra pochi minuti lascerò questo infernale campeggio macedone.Viaggiare con un budget limitato è come caricarsi sulla moto la dea bendata, non sai mai dove ti farà capitare. Questa volta, mi è andata male.
Guido fino a Struga, costeggiando il lago Orid. Le sue acque sembrano un foglio azzurro, liscio, perfetto, senza increspature. Il contrario del mio umore.
Mi sto dirigendo verso Debar e quando vedo sulla strada un cartello che indica il divieto di fotografare, sono preso dall’irrefrenabile desiderio di capire la ragione del divieto, e, naturalmente, di fare la più bella foto del mio viaggio.
Proseguo per un paio di chilometri, incuriosito, fino a quando raggiungo la zona proibita.Su un lato sorge una costruzione grigia, imponente, in stile URSS, la cui lunga vetrata riflette la luce del mattino. Sul lato opposto, la strada corre sopra una massiccia e alta diga, mentre poco lontano spuntano edifici non meglio identificati e, chissà, magari anche qualche bunker segreto.
Voglio assolutamente fotografare questo spettacolo decadente, lo strascico di un passato dittatoriale che ancora getta la sua ombra sulle spalle del paese, popolando di fantasmi posti come quello dove mi trovo ora.

Continua a leggere

MotoGiro : Svizzera Alpina Tappa 3

Dopo un notte di temporale e fulmini, mi sveglio esco dalla tenda e un sole timido sta cominciando a uscire dalle nuvole, smonto la tenda e carico la moto .
Uscito dal campeggio percorro poche centinaia di metri e comincio a salire verso il passo dell’Oberalp la strada è tortuosa, ma molto bella, in molti punti si può ammirare lo splendido trenino a cremagliera che sale faticosamente sulla montagna.Arrivo  al passo che è ancora presto, è quasi completamente deserto , oltre al laghetto e a due rifugi c’è anche un faro di quelli che si vedono al  mare per segnalare la costa, la cosa è molto particolare, ma molto interessante.
Rimango un po’ al passo a fare qualche fotografia e a passeggiare, ma purtroppo i nuvoloni neri sono in agguato e coprono tutto il  cielo. Risalgo sulla moto e mi dirigo verso Disentis/Muster,  dopo poche curve inizia a piovigginare senza scoraggiarmi continuo la mia marcia con più attenzione, i paesaggi sono comunque belli anche se le condizioni metereologiche fanno sembrare  tutto più grigio e triste.A Disentis/Muster giro a sinistra e mi dirigo verso il Lukmanier Pass la strada per salire è davvero particolare e bella con tante curve che mettono in evidenza paesaggi uno diverso dall’altro.
 
Continua a leggere

MotoGiro : Svizzera Alpina Tappa 2

Dopo una nottata ventosa mi sveglio e mi preparo per affrontare il secondo giorno del mio itinerario. Smonto la tenda carico la moto e parto. Purtroppo il tempo non è dei migliori ma non mi scoraggio.
Mi dirigo verso  nord in direzione Walenstadt,  la strada è poco trafficata  e corre sul fondo valle,  mi fanno compagnia campi coltivati  e campi da pascolo. Attraverso Bad Ragaz rimanendo colpito dalla sua bellezza sia perché al strada corre in mezzo a un campo da golf sia perché tutto il paese è pieno di statue e di opere d’arte che lo fanno sembrare un posto magico.
Arrivati a Walenstadt la prima cosa che vedo è lo stupefacente lago il Walensee, scatto alcune  fotografie e comincio a percorrere la strada  che costeggia il lago.
Dopo pochi chilometri prendo la deviazione per Glarus e per il Klausenpass.  La strada lascia le sponde del lago  e comincia a salire permettendo di vedere dall’alto i paesini particolarmente caratteristici e lo specchio d’acqua.
Continua a leggere

MotoGiro : Svizzera Alpina Tappa 1

Ho deciso dopo un po’ di ricerche di compiere questo giro di 3 giorni in Svizzera per andare a scoprire le zone a me ancora sconosciute. Il mio itinerario inizia sulla strada che va da Iseo a Edolo, è una tipica provinciale poco interessante soprattutto se l’hai già percorsa in precedenza.
Arrivato a Edolo svolto a destra e mi dirigo verso Ponte di Legno, ma dopo pochi chilometri prendo la deviazione per il passo Mortirolo, avevo sentito tanto parlare di questa strada ma nonostante ciò  ne sono rimasto piacevolmente sorpreso.
E’ ben asfaltata e divertente, dal punto di vista della guida, con svariati punti che possono essere considerati impegnativi ma non lo sono,  ho trovato interessante una serie di tornanti a distanza ravvicinata una cosa molto particolare e caratteristica.

In cima al passo mi fermo a fare qualche fotografia, il paesaggio è molto bello e interessante, dopo poco risalgo sula moto e comincio a scendere in direzione Bormio la strada è completamente immersa nel bosco e si fa fatica  a godersi il panorama che solo in brevi tratti  mostra la sua bellezza.

Continua a leggere

MotoGiro: Dolomiti + Festival Navigatori di Terra + Slovenia 3°- 4°gg

3° Giorno

Ci svegliamo, ormai abituati alla vita in tenda, dopo una bella dormita. Oggi la nostra meta sarà la Slovenia.

Dopo  colazione e aver scambiato due chiacchiere con gli amici incontrati la sera prima decidiamo di partire.

Da qui ci dirigiamo verso Tarvisio, prendendo la strada provinciale che all’inizio è davvero noiosa, ma dopo pochi chilometri migliora e ci permette di vedere degli splendidi panorami.

All’altezza di Chiusaforte giriamo a destra e ci dirigiamo verso la Sella Nevea. La vallata che incontriamo è davvero bella e sembra di essere arrivati in un posto sperduto, una sensazione che avremo per tutto la giornata.
La strada non è delle migliori è asfaltata male e piena di buche ma l’atmosfera è davvero magica dopo la Sella Nevea con le sue poche abitazioni cominciamo a scendere  verso il lago Predil.
Giunti vicino al lago rimaniamo incantati sia per la sua bellezza, sia per L’ASSENZA quasi completa DI QUALSIASI CONTAMINAZIONE DA PARTE DELL’UOMO.

Infatti a parte un piccolo fabbricato che fa da centro sportivo e forse un altro paio di case la zona è completamente disabitata.

Decidiamo di fare una sosta, facciamo una passeggiata lungo le sue sponde arrivando così in un punto dove c’è una piccola isola e il panorama sembra un paesaggio da puzzle,  rimaniamo a contemplare la sua bellezza esterefatti.

Dopo la pausa ripartiamo e saliamo verso il passo Predil, nel salire si possono vedere scorci interessanti del lago, finalmente arrivati al passo che non spicca per la sua altezza, c’è il confine con la Slovenia, e dato che siamo nella comunità europea il confine è deserto e ci fa sembrare il posto ancora più sperduto.

Continua a leggere

MotoGiro: Dolomiti + Festival Navigatori di Terra + Slovenia 1° – 2°gg

1°Giorno

Dopo aver incontrato Italo Barazzuti all’EICMA che mi ha parlato del  “Festival Dei Navigatori di terra”  ho deciso che avrei dovuto partecipare.
A questo punto abitando in provincia di Milano e il Raduno si tiene a Majano in provincia di Udine per evitare troppi chilometri in autostrada, ho deciso di partire un giorno prima  del suo inizio e passare una notte sulle Dolomiti così da poterne visitare almeno una parte.
Dopo il trasferimento in autostrada fino a Rovato, imbocchiamo la strada che porta a Ponte di Legno e che risale tutta la Val Camonica. La strada non è niente di particolare, tanti tratti dritti e poco divertenti, ma offre comunque dei bei panorami e degli scorci interessanti . Dopo Edolo il percorso  è meno noioso, infatti stiamo cominciando a salire in direzione Passo Tonale, la strada che percorriamo è bella, ma non offre particolari scorci interessanti.
Al Passo Tonale che più che un passo è quasi una cittadina ci fermiamo, facciamo un paio di foto sbrigative e cominciamo a scendere in direzione Cles. La strada si fa più interessante sia dal punto di vista della guida che da quello paesaggistico, purtroppo noi abbiamo incontrato diversi punti con lavori in corso, sensi alternati e semafori che ci hanno rallentato parecchio.
Dopo la discesa arriviamo a Cles e passiamo di fianco al lago di Santa Giustina una vera meraviglia e, per chi avesse tempo, consiglio di fare tutto il giro passando dal ponte che lo attraversa.

Il lago è davvero particolare e unico, facciamo qualche foto scambiamo qualche parola con i motociclisti che come noi si sono fermati a godere del panorama.

Da qui ripartiamo in direzione passo Mendola e lungo la strada oltre alle piacevoli curve che  incontriamo vediamo il panorama delle vallate quasi completamente coperte da alberi da frutta più nello specifico da alberi di mele, le famose mele del Trentino.
Continua a leggere

MotoGiri : 15 Laghi del Nord Italia Parte 2

 
Dopo una mangiata spaziale e una dormita rigenerante preparo le poche cose che ho con me, le lego sulla moto e riparto alla conquista di altri splendidi laghi.

Mi dirigo in Valsassina passando da Bellano, la strada è tortuosa e talmente immersa nel verde che mi spiazza. E’ ritagliata  nel  mezzo del bosco e ha un’infinità di curve , abituato a vivere nel caos della provincia di Milano mi fa iniziare la giornata con una marcia in più.
Arrivati in Valsassina mi dirigo verso Lecco, ma prima di arrivare svolto a sinistra in direzione Moggio per andare a prendere la strada che porta al Culmine di san Pietro.
Fino a Moggio si può dire che sia una strada quasi noiosa, poche curve e panorami piatti, ma dopo Moggio il discorso cambia.

Continua a leggere