10 regole per viaggiare bene in moto

Viaggiare bene in moto comprende una serie di approcci mentali e di conoscenze che non si acquisiscono in poco tempo, ma richiedono molto impegno.

Chiunque può viaggiare, ma saper viaggiare è una cosa molto più complicata. Ecco le 10 regole + 1 regola bonus:

1. Conoscere i propri limiti

Quando progettate un viaggio o un trasferimento in moto non fate l’errore si sopravalutare le vostre capacità. Dovete progettare il viaggio e le tappe di esso basandovi sui vostri limiti.

Non programmate tappe da 1000 km se avete percorso al massimo in un giorno 500 Km. Se volete migliorare i vostri limiti fatelo in maniera progressiva e con cognizione di causa. ( Consigli di Guida)

 

2. L’Alta velocità e le lunghe distanze non hanno nulla in comune

Se dovete percorre tanti chilometri, il modo più sbagliato è viaggiare a tutta velocità. Perché??? Semplice, vi affaticherete di più, dovrete fermarvi a fare rifornimento più spesso, e se vi va male potete prendere multe o correre rischi inutili.

Occorre impostare una velocità di crociera che vi permetta di compiere al meglio il trasferimento. Sprecherete meno energie possibili, ciò vuol dire, viaggiare ad una velocità che vi permette di rimanere in sella più a lungo.

 

3. La moto in ordine

Prima di partire controllate la moto (olio, candele, gomme), e soprattutto non partite dopo aver fatto un lavoro meccanico importante. Perché anche i meccanici migliori possono sbagliare una regolazione del motore o un settaggio. Se avete fatto lavori importanti, prima di partire provate la moto, così da essere sicuri che non ci siano problemi imprevisti alla partenza. (Kit attrezzi per officina)

 

 

4. Saper preparare le valige

Quando si viaggia non bisogna fare le Lumache, (portarsi dietro anche la casa). Bisogna portare poca roba e soprattutto quella giusta. Quando si riempono le valige deve essere messo tutto con ordine così da poter arrivare agli oggetti che servono facilmente senza smontare mezza moto.

A portata di mano ci devono sempre essere la tuta antipioggia, qualcosa da mangiare e bere, i documenti personali, la cartine o navigatore (i cavi per il navigatore), il portafoglio, una felpa, gli occhiali da sole, ecc…

 

5. Stare lontani dai camion

Anche se vi viene la tentazione di accodarvi ad un camion non fatelo, questo vi preclude la visuale e quindi i tempi di reazione diminuiscono con una maggiore possibilità di essere vittima di un incidente.

 

6. Combattete la Noia

Se la strada è noiosa e poco panoramica studiate uno stratagemma per non annoiarvi. Potete usare la musica, un audio-libro (anche se questo non vi deve distrarre dalla strada) o quello che preferite, ma è importante cercare ti tenere la mente attiva per evitare pericoli.

 

7. Sapere quando fermarsi

Rientra sempre nella conoscenza dei propri limiti, ma saper decidere quando fermarsi per un Break, la pausa pranzo, o a fine giornata è fondamentale, perché gli ultimi 10 km potrebbero essere i più pericolosi. Alcuni segnali della stanchezza possono essere, dimenticare le frecce accese, o gli abbaglianti, non riuscire a mantenere la velocità costante, quando senza volere si chiudono gli occhi, ecc… Quindi se siete stanchi fermatevi il prima possibile sempre in sicurezza.

 

 

8. Mettersi la tuta anti-pioggia prima che piova

Lo so è difficile!!! ma in certe situazioni è molto importante rimanere asciutti, anche perché se si è bagnati o i vestiti sono umidi ci si stanca con molta più velocità e si soffre maggiormente il freddo. Se fa molto caldo bisogna togliersi subito la tuta anti-pioggia per evitare di prendere un colpo di calore.

 

9. Mangiare bene

Bisogna cercare di mangiare meno schifezze possibili. Mangiare cose nutrienti che non appesantiscano e rendano la digestione lunga. Evitare l’alcol e prediligere cibi come i carboidrati e l’acqua.

 

10. Imprevisti

Il consiglio è di abbonarsi a un servizio stradale esteso e portare un kit di attrezzi per risolvere piccoli e grandi problemi. (kit attrezzi da viaggio per moto). Il kit di attrezzi è molto importante, ma è altrettanto importante che sappiate usarli e sappiate dove mettere le mani sulla moto.

 

11. Bonus

Per viaggiare bene occorre avere un approccio mentale idoneo. Un’elasticità mentale che permetta di lasciare a casa i pregiudizi, i modi di fare del proprio paese e soprattutto l’arroganza.

Ricordatevi che in qualunque luogo andiate siete degli ospiti, e come tali dovete sottostare alle regole, ai modi di fare del posto e alle abitudini alimentari.

Cercate di far si che l’ambiente che attraversate e le sue abitudini e regole entrino dentro di voi, così da poter conoscere meglio la popolazione e quello che vi sta intorno.

Se viaggiate con altre persone cercate di non formare il classico gruppo, che non permette a nessuno e a niente di penetrare in esso, perché così facendo vedrete i posti e i luoghi come se foste sotto una campana senza veramente vederli e assaporarli.